fbpx

Bifosfonati: una visita odontoiatrica per prevenire l’osteonecrosi

bifosfonati
25 Feb 2020

Bifosfonati: una visita odontoiatrica per prevenire l’osteonecrosi

I pazienti che assumono bifosfonati per contrastare la perdita di densità ossea causata da malattie come l’osteoporosi, sono a rischio di osteonecrosi. Per questo motivo, per chi assume questa terapia è importante sottoporsi periodicamente a una visita odontoiatrica.

I Bifosfonati sono una classe di farmaci utilizzati per contrastare la perdita di densità ossea.Vengono assunti principalmente per la prevenzione o trattamento dell’osteoporosi. Inoltre, sono impiegati anche per l’ ipercalcemia, l’iperparatiroidismo, il Morbo di Paget e altre patologie come le metastasi litiche nelle ossa.

I bifosfonati si depositano a livello dei cristalli di idrossiapatite e vanno ad inibire la proliferazione degli osteoclasti.
Gli osteoclasti sono le cellule preposte alla degradazione del tessuto osseo durante il meccanismo di turnover. Inoltre, gli osteoclasti,  favoriscono l’attività degli osteoblasti, ovvero le cellule che generano l’osso.
I bifosfonati possono essere assunti per via orale, intramuscolo o endovena, con una somministrazione quotidiana, settimanale o mensile.

Indipendentemente dalla modalità e dalla frequenza di assunzione questi farmaci rimangono attivi nell’organismo per una media di tre anni.

Invece le molecole di nuova generazione per la cura dell’osteoporosi, rimangono attive fino ad un massimo di sei mesi e per questo sono piu’ facili da gestire dal punto di vista clinico-chirurgico.

Durante la visita odontoiatrica il paziente che assume bifosfonati come terapia per la densità ossea è tenuto a informare il professionista.

visita odontoiatricaIn questo modo l’odontoiatra può abbassare il rischio di Osteonecrosi anche se non può azzerarlo del tutto.

Per osteonecrosi si intende la morte dell’osso che non riesce ad essere vascolarizzato adeguatamente. La mucosa orale si ulcera lasciando campo libero ai microrganismi. Questi ultimi colonizzeranno l’osso sovrainfettandolo in maniera irreversibile.

In questi casi una tempestiva visita odontoiatrica è di fondamentale importanza per prevenire questa possibile complicanza. Infatti, se il paziente viene preso in tempo, l’odontoiatra può gestirla facilmente. Invece, un intervento ritardato potrebbe causare l’ asportazione della porzione di osso necrotico.
Durante la visita odontoiatrica il medico sarà informato dal paziente riguardo al tempo di assunzione della terapia, e al tipo di somministrazione. Una volte acquisite tutte le informazioni deciderà che tipo di terapia antibiotica far seguire al paziente e con quali tempistiche sarà possibile intervenire per evitare l’osteonecrosi .

osteoporosiQuindi, per i soggetti che programmano di iniziare una terapia con Bifosfonati è consigliabile una visita odontoiatrica. Infatti, il paziente potrà eseguire tutti i trattamenti necessari affinché le foci infiammatorie vengano eliminate prima dell’inizio. In seguito è importante effettuare dei controlli periodici ogni sei mesi e due ablazioni del tartaro all’anno per evitare che possono portare all’insorgenza di osteonecrosi.

Presso lo Studio Dentistico Medical Center sono presenti specialisti preparati e con grande esperienza .

Prenotando online dal sito web la prima visita e l’ortopanoramica sono gratuite.

Dott.ssa Scorsolini Maria Giulia

Lascia una commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: